Tag

, , ,

Contraction-Release indica l’esercizio basilare della tecnica Graham nella danza moderna di matrice americana; proprio quella importata, con competenze ed entusiasmo pionieristico, in Italia, dal Maestro Joseph Fontano, attualmente docente all’Accademia Nazionale di Danza a Roma.
Sviluppando il concetto si tratta di un movimento fra due forze opposte eppure complementari, che entrano in gioco nella respirazione. Questo atto fisiologico per l’essere vivente è applicato secondo un metodo preciso dai ballerini che nella danza si esprimono attraverso questa tecnica che innovativa, soprattutto negli anni ’70 si è imposta sulla scena del mondo della danza che evolveva verso nuove forme di espressività: dal modern e post modern americano alla danza contemporanea vera e propria, giunta anche in Europa (già nel dopo guerra, altri personaggi stavano emergendo sulla scena in questa direzione…).
***
Questa è una premessa. D’altra parte scrivo di danza, non si può prescindere da ciò che uno fa; tuttavia questa volta il Maestro Fontano (foto 1) è stato al centro di una vicenda burocratica e legale di un rilievo notevole: ha vinto una causa, da lui aperta e sostenuta anche in ricorso, relativa al ruolo del Maestro Bruno Carioti (foto 2), come direttore dell’Accademia Nazionale di Danza.
Fontano si è rivolto al Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (ci sono molte persone coinvolte) e ha vinto il ricorso al Consiglio di Stato.

Si sintetizza dalla presa visione degli atti, quanto segue:
all’interno di un “vuoto normativo”, che sarà certo in discussione da questo momento, la procedura della nomina della persona del Maestro Bruno Carioti non ha convinto il Maestro Fontano su più punti; di fatto uno riguarda “le competenze”, poiché il Maestro Carioti non è “UN COMPOSITORE DI DANZA DI RICONOSCIUTO VALORE”… non avrebbe i requisiti di professionalità che la norma vigente dello Statuto prevede (si è citato il testo effettivo). A questo si è aggiunto un disequilibrio nella dinamica e nella tempistica stessa della procedura selettivo-elettorale, in quanto allora il Maestro Carioti era Commissario straordinario. Come tale ha indetto le elezioni (la scelta cade normalmente fra i docenti dell’Accademia), poi avrebbe avviato una procedura per cambiare e varare un nuovo regolamento, partecipando come candidato stesso alle votazioni.
Più di così non ci addentriamo nel merito di quanto all’interno del procedimento legale emergeva, anche perché, di fatto, tutto è stato ricondotto al primo punto e al conflitto di interessi.
Fatti di questo genere fanno scalpore. Inutile fare finta che non sia così. Si parla di danza, di arte e di cultura. C’è una spinta a valorizzare tutto ciò, nonostante le difficoltà economiche e burocratiche, qui ne è emersa una. Io sono super partes perché non lavoro all’Accademia, posso limitarmi a prendere atto di una sentenza.
Per questo ho scelto la metafora di questo movimento di contrazione (espiro) e rilascio (inspiro), che avviene mantenendo la tensione di tutti i muscoli del corpo. Passaggio importante. Il ‘release’ è come un atto che scarica energia opponendosi all’altro di contrazione, pur mantenendo la concentrazione.
Mettiamola così! Intanto ci sono sempre vinti e vincitori o scontenti e trionfatori. Detto questo…
Quale sarà poi l’iter che definirà il futuro dell’Accademia? Il vuoto va colmato… si procederà a nuove elezioni al più presto?
Possiamo sperare che la scelta cada su un personaggio qualificato e apprezzato da una larga maggioranza, in modo che si possa lavorare bene, sfruttando tutte le potenzialità dell’AND?

Grazie

Joseph-Fontano
bruno-carioti

Annunci